Tito Boeri

 La Statistica  Tito Boeri


L’esercizio della democrazia deve basarsi su indicatori oggettivi, comunemente accettati, alla luce dei quali valutare l’operato dei governi. In Italia, purtroppo, l’attendibilità del dato statistico viene messa in discussione non appena falsifica le tesi del politico di turno. Complice un’informazione economica troppo spesso dipendente dalla politica, il numero viene stravolto, manipolato a piacimento da chi dovrebbe essere valutato sulla base delle statistiche.

In altri paesi maggioranza e opposizione si sono accordati per non mettere in discussione l’attendibilità di un insieme di indicatori utilizzati per il monitoraggio della situazione economica, sociale ed ambientale. Questi dati, pubblicati sistematicamente dall’ufficio di statistica, accrescono il controllo degli elettori sull’azione del governo e sulle politiche pubbliche. Tra gli indicatori fondamentali, in Italia bisognerebbe includere una contabilità generazionale in grado di ricostruire la struttura per età del prelievo fiscale e della spesa pubblica. Sarebbe un modo per creare una conoscenza condivisa dei problemi dei giovani, troppo spesso ignorati nel nostro Paese. Bene che l’Istat si attrezzi per produrre questi indicatori.

Tito Boeri – Economista e Redattore Lavoce.info in occasione della Giornata Italiana della Statistica 20-10-2011

(vai al sito)