Andrea Cammelli

       La Statistica  Andrea Cammelli

 Tutto ha avuto inizio nel 1987, in un sottoscala dell’ateneo: una ricerca sui laureati esteri dell’università di Bologna nel dopoguerra, per valutarne la carriera professionale e l’efficacia dell’istituzione che li aveva formati. Una piccola “rivoluzione culturale” vista la propensione a considerare esaurito il compito dell’università con il conferimento della laurea; non solo per i laureati esteri. La portata dell’indagine è stata trascinante: è nato il prototipo AlmaLaurea che restituisce con continuità, da 17 anni, una documentazione tempestiva, affidabile, puntuale sulle performance di studio dei laureati e gli sbocchi occupazionali a uno, tre e cinque anni dal titolo accademico. Contemporaneamente ha preso il via la banca dati (1.550.000 cv ad oggi!) per tradurre i numeri in strumento di servizio: per facilitare e democratizzare l’accesso dei laureati al mercato del lavoro. E’ stato sufficiente crederci, da statistici. Guidati dall’invito di Einaudi: conoscere per governare. E qui sta il senso più vero delle nostre analisi. A meno che non abbia ancora ragione J.M. Keynes quando scriveva (1937): “Non c’è nulla che un governo odii di più dell’essere ben informato; poiché ciò rende molto più complicato e difficile il processo che conduce alle decisioni“.

Andrea Cammelli – Statistico e Direttore AlmaLaurea  in occasione della Giornata Italiana della Statistica 20-10-2011

(vai al sito)